Capricciosa Vari

Verso ricci sani: i primi passi

come ottenere ricci sani

Come vi ho accennato nell’articolo precedente, da quando ho deciso di ripartire da zero e tornare al mio riccio naturale, mi sono documentata e ho rigirato tutto il web e inizialmente ho capito solo una cosa: in Italia non esistono tecniche e/ consigli utili e chiari.
C’è una grande confusione e alcune delle tecniche più conosciute (almeno di nome) sono brasiliane o americane e questo rende complicato, molto spesso, riprodurre su di noi quei metodi, poichè le ragazze che li mettono in pratica, utilizzano prodotti non facilmente reperibili qui da noi, per non parlare poi, dell’ostacolo della lingua che non facilita la comprensione totale di quello che stiamo cercando; ma niente paura! Ci sono qui io, pronta ad aiutare tutte voi.

Finger Coils, Ditoliss, Fitagem, Scrunch, Pray Hands, Plopping e quante altre di queste tecniche avete sentito nominare? E quante siete riuscite a metterne in pratica? Prima di fare chiarezza ed addentrarci nella spiegazione e messa in pratica di questi metodi, che sono una sorta di modus operandi della ragazza riccia, vediamo quali sono i primi veri passi che dovete muovere, se avete perduto il vostro riccio e volete recuperarlo.

Piccola premessa: io sono agli inizi del mio percorso, e ho deciso di condividere con voi, i cambiamenti che spero di ottenere, gli obiettivi che mi sono prefissata, i prodotti che ho già provato e che proverò, insomma, condividerò tutto con voi dal vero inizio del percorso, e non con capelli già sani e belli da vedere !

Il primo passo è prendere la vostra piastra, il vostro arriccia capelli e gettarli nella spazzatura. Lo so. E’ dura. Ma è così. Per avere ricci sani e belli, e soprattutto, per recuperare il riccio perduto, dovete eliminare dalla vostra vita questi strumenti di “bellezza”

Diffidate dai parrucchieri che vi consigliano sfoltiture o tagli troppo particolari. I capelli ricci NON vanno sfoltiti per nessun motivo! Se avete un problema di volume, va aggiustato solo cambiando il taglio! E a proposito di taglio, il nostro capello andrebbe tagliato e aggiustato da asciutto, questo perchè la struttura del capello riccio cambia radicalmente quando è bagnato, quindi tagliandolo in questa forma si rischia di non ottenere il risultato sperato, una volta asciutto. Trovate un parrucchiere di fiducia che possa ascoltare le vostre esigenze e che abbia un minimo di esperienza con questa tipologia di capello.
Io non sono una parrucchiera, non sono un’esperta di tagli o acconciature, ma se c’è una cosa che ho imparato in (quasi) 30 anni è che soltanto chi ha i capelli ricci può capire davvero come comportarsi con essi!

A tutto Bio!
Cercate di utilizzare prodotti interamente Bio o con un buon Inci. So che in generale si pensa che utilizzare prodotti pieni di siliconi e alcol faccia male un pò a tutte, ma nel capello riccio è il passaggio fondamentale per cambiare totalmente vita! Non esistono compromessi!  Il capello riccio è più poroso e di conseguenza assorbe molto di più tutto quello che gli si mette sopra: in poche parole, l’effetto dell’acqua combinato con queste sostante rende il nostro riccio sempre più secco e sfibrato!
Non c’è sempre bisogno di spendere tanti soldi, soprattutto all’inizio, quello verrà da sè, quando vedrete i primi risultati inizierete a sperimentare sempre più prodotti, ma per ora, il segreto è provare i prodotti che rispecchino la tipologia di capello (secco, fine, sfibrato, grosso, grasso, crespo ecc..) cercando di leggere bene gli ingredienti.
Avvertenza: NON SCORAGGIATEVI! Quando inizierete ad utilizzare i prodotti naturali, i vostri capelli attraverseranno una fase di transizione, un pò come la disintossicazione, sarà difficile e sembreranno più brutti, ma non mollate! Anche io sono in questa fase, ma vedrete che di volta in volta saranno super sani e splendenti!

Idratate , idratate, idratate! Tra i prodotti di una riccia, non può mancare la maschera per capelli, l’olio di Argan o meglio ancora l’olio di cocco. Sappiate anche che l’acqua è una fonte di idratazione molto importante per i nostri capelli, ecco perchè io ho imparato ad effettuare lo styling con i capelli grondanti di acqua, mentre prima li asciugavo e strizzavo tantissimo.
Utilizzate la maschera per capelli dopo lo shampoo al posto del classico balsamo e lavate i capelli il meno possibile!
Se avete dei capelli molto danneggiati, iniziate ad effettuare una maschera pre shampoo almeno 2 volte la settimana, in posa il più possibile. Inumidite i capelli, passate la maschera generosamente in tutti i capelli e lasciateli in posa il più possibile. Se i capelli non sono tanto danneggiati basterà una volta la settimana, stessa procedura. Un consiglio molto importante è di risciacquare i vostri capelli con acqua fredda. Lo so cosa state pensando, ma vi assicuro che far “bollire” i vostri capelli nell’acqua li renderà sempre più brutti!

Procuratevi un cuscino con fodera di seta, o una cuffietta di seta nella quale avvolgere i vostri capelli la notte, ed un panno in microfibra per tamponare i capelli bagnati. Questi strumenti sono fondamentali e noterete da subito la differenza!

Diffidate dalle persone che dicono di mettere una sola tipologia di prodotto per lo styling. Siamo tutte ricce, ma ogni riccio è diverso. Esistono ben 9 tipologie di ricci.
Imparate a capire cosa serve al vostro capello e come si comporta, io ad esempio, non ho mai messo o solo la spuma o solo la crema ( e questa è una regola che vale per quasi tutti i ricci) ma utilizzo il metodo LOC che sta per “Liquid Oil Cream“, consiste nell’idratare i capelli durante lo styling con un “liquido” che sarà acqua (ovviamente) e gel , con un “Olio” a vostra scelta (tra Argan, Mandorla, Cocco, ecc…) e una “Crema” per capelli. (Bio!)
Personalmente io ho abolito le spume solo da qualche giorno, poichè mi creano un effetto troppo crespo e soprattutto non riesco a trovare una spuma che sia il più naturale possibile.
Non spaventatevi ! Ogni riccio ha la propria dose di prodotto! Non dovete vedere lo styling solo come un metodo per tenere belli i vostri capelli, ma anche come un modo di idratarli e lasciare sopra di essi l’idratazione il più possibile. Il capello non si sporcherà se imparerete a dosare i prodotti, ma avrete solo ricci super definiti e morbidi.

Per ultimo, ma non meno importante, il diffusore! Assicuratevi che il vostro diffusore non spari aria all’impazzata, utilizzate sempre una velocità media alternando calore medio e freddo, partite sempre dalla nuca, che sia a testa in giù o no, cercate di lasciare l’asciugatura delle punte per ultima, per tutelarle il più possibile ed evitare che si aprano.
Il metodo ideale sarebbe asciugare i capelli per la prima mezz’ora/ora all’aria , ma personalmente non amo stare troppo tempo con la testa bagnata, quindi opto per aria quasi fredda. Ci vuole molta, moltissima pazienza, ma il risultato finale ne vale la pena.

Se non vi siete scoraggiate, e state ancora leggendo, siete sulla strada giusta!
Ho letto di molte ragazze che si rifiutano di sciacquare i capelli con l’acqua fredda, o che danno poca importanza al prodotto che applicano, e questo purtroppo non farà ottenere loro il risultato che sperano. Ci vuole costanza e pazienza, ma se fate un giro tra le curly blogger più famose del web, vi renderete subito conto che nel resto del mondo hanno già iniziato da anni a mettere in pratica questi step e i risultati sono meravigliosi!

Iniziate anche voi, la vostra rivoluzione e noterete già qualcosa di meglio! I nostri capelli non cambieranno da soli, se è vero che siamo capricciose come dicono, iniziate con i capricci  giusti , che porteranno i vostri capelli a risplendere!

You Might Also Like

Nessun Commento

    Leave a Reply